Archivi categoria: Diario

L’ABC del viaggiatore : 21 lettere per viaggiare!

Viaggi, esperienze, avventure, fotografie, pensieri, tramonti, ricordi, amicizie… viaggiare è questo e molto altro ancora. Spiegare cosa sia per noi viaggiare richiede sempre molto tempo, molti esempi, insomma una passione non può essere raccontata in due minuti!

Eppure forse un modo c’è… avete mai sentito parlare dell’ABC del viaggiatore?

Un metodo semplice e simaptico per racchiudere in 21 lettere il MIO VIAGGIARE!

A come Andare! Andare ovunque, purchè si viaggi, si scoprano nuovi luoghi e culture, nuove parti di me, nuove persone, nuovi paesaggi. Io vado!

B come Birmania: un luogo che ho promesso di visitare molto presto… è il sogno di una vita intera.

C come Casa : viaggiare per tanto tempo può sembrare la cosa più bella al mondo… in realtà quando si è lontani spesso non si desidera niente di più della propria casa, intesa come nido di affetti e sicurezza.

D come Dakar: la prima città africana che ho visitato, prima di procedere il mio tour per il Senegal. Dakar è caos, caldo, traffico, asfalto, sabbia, mercati, musica, colori. Dakar mi è rimasta nel cuore.

E come Esperienza: questo è il viaggio, quello vero, quello vissuto al 100%. Durante i miei viaggi ho vissuto momenti di sconforto, affrontato vari imprevisti, ma non mi sono mai lasciata sconfiggere dal panico… anche quando è capitato che fossi sola! Viaggiare è esperienza.

F come Francia: ancora non ho ben capito il mio rapporto con i francesi, a parte qualche amica non è che mi vadano molto a genio. Eppure non posso negare che uno dei miei tour più belli è stato quello in Costa Azzurra.. per non parlare di un bell’aperitivo ammirando la Senna e una gustosa cenetta con vista sul Sacro Cuore.

G come guesthouse: ci sono viaggi e ci sono vacanze. Quando viaggio e non riesco a fare couchsurfing, opto per le guesthouse.. qui si conosce gente da ogni parte del mondo, per lo più giovani backpackers all’avventura come me! Ci vuole tanto spirito di adattamento e a volte un po’ di coraggio!

H come happiness : quando viaggio sono felice, quella felicità che spesso ricerchiamo con fatica nella vita quotidinana. Perchè se essere sereni è uno status, essere felici è un attimo, un momento, un istante. Picchi di gioia che riempiono il cuore!

I come Ispirazione: un viaggio non nasce mai per caso, ma da un’ispirazione, da un desiderio, da un sogno.

L come Libertà: “travel to be alive” è uno dei miei tanti motti. Quando viaggio sono libera, viva.

M come musica: senza di lei non si può viaggiare, è l’amica speciale dei viaggi in solitaria e la compagnia perfetta per un viaggio tra amici.

N come New York: il mio primo viaggio in America, il viaggio del diploma. Io ed un’amica immerse nella grande mela.. ricordi indelebili di una realtà fino ad allora vista solo nei film!

O come ospitalità: spesso si è diffidenti, introversi, si ha paura di ospitare e anche di essere ospitati. Solo viaggiando al di fuori delle zone turistiche mi sono resa conto di quanta gente brava e generosa ci sia al mondo.

P come Photos: non mi separo mai dalla macchina fotografica durante un viaggio, per me è importante immortalare attimi, situazioni, paesaggi, scene di vita. Ripercorrere il viaggio attraverso delle foto è come viaggiare una seconda volta.

Q come Qui: “voglio vivere qui”.. “voglio restare qui”! sono le frasi che ripeto ogni volta che viaggio .. o quasi! Insomma, in ogni luogo ci vorrei passare sempre più tempo di quello che ho a disposizione!

R come risparmiare : questa è la parola d’ordine di chi ama viaggiare.. ed è una vera fatica… ma SEMPRE ripagata!

S come Spagna: la mia seconda lingua, il secondo paese che amo di più dopo la mia terra. Non so cosa mi leghi di preciso a questa nazione, ma sono quasi convinta di averne fatto parte in qualche vita precendente! Amo la Spagna e non smetterò mai di girarla in lungo e in largo!

T come Tempo: quello che spesso mi manca per poter viaggiare come vorrei. Ed è anche quello che passa lento quando viaggio da sola e sono immersa nei miei pensieri. T come tempo, T come tramonto. Io, un po’ di musica e il mare. #libertà

U come unforgettable: una cosa che non dimenticherò mai? Lo sguardo dei bambini senegalesi. Loro… che con quel poco che hanno riescono a sorridere, dancoci una forte lezione di vita.

V come Venezia: una città che mi ha lasciato senza fiato. Niente aerei, siamo in Italia, vicino casa, una meraviglia del mondo.

Z come Zoo: ogni volta che visito una città ce n’è uno ed il mio unico pensiero è sempre lo stesso: entrare e liberare tutti quei poveri animali. Anche quando vi sembrano “immersi in un’oasi” sappiate che non c’è animale che sia felice se preso e portato lontano da casa. #ioboicotto

 

Annunci

Liebster Award 2015- Edizione speciale!!!

Devo ringraziare Stefania di Girovagando con Stefania per avermi citata e premiata con un riconoscimento ben gradito da una blogger alle prime armi che cerca di imparare da altri e migliorare sempre. Oggi più che mai è fondamentale ricercare recensioni positive e negative prima di partire verso nuove mete, scoprire le cose più affascinanti da vedere e le escursioni più suggestive da fare. Grazie ad internet oggi questo è possibile, sono tanti i travel blogger che amano raccontare le loro esperienze sperando possano essere d’aiuto e/o ispirazione ad altri viaggiatori. Questa voglia di raccontare è nata anche a me da parecchio tempo, forse da quando ho inziato a viaggiare .. ma solo pochi mesi fa ho deciso di aprire il mio blog e devo dire che la soddisfazione è tanta!

Le regole del premio sono:    

Ringraziare il blog che ci ha nominato  

   rispondere alle domande   

   nominare altri 10 blogger e porre loro 10 domande

Ecco le domande poste da Girovagando con Stefania :

1) Quanto tempo prima della partenza prenoti un viaggio?

In realtà ho due tipi di approcci verso il viaggio. Se parliamo del vero “viaggio” posso iniziare ad organizzarlo anche un anno prima. Per la mia ultima vacanza, il road trip in Andalusia, ho iniziato ad organizzare con 7 mesi di anticipo! Poi ci sono quei viaggetti lampo, quelle follie dell’ultima ora, dove prenoto, preparo la valigia alla rinfusa e parto senza neppure aver realizzato!

2) Che tipo di viaggiatore sei?

Sono un viaggiatore che prima ancora dei monumenti ragiona su come godere del viaggi vivendo con persone del posto. Prima ancora della cultura, quello che amo del viaggiare è conoscere i local e apprendere da loro stessi più di quanto una guida possa dirmi.

3) Di cosa non fai a meno quando esci di casa?

Della mia macchina fotografica, senza di lei mi sento un po’ persa.. per me è molto importante immortalare ogni attimo.

4) Preferisci viaggiare sola/o o in compagnia?

Dipende dal tipo di viaggio, mi piace viaggiare in compagnia (preferisco in pochi, massimo 3 amiche), anche se la libertà che ti da il poter viaggiare da sola non ha prezzo. Introspezione o compagnia, meglio fare entrambi.

5) Qual è l’ultimo libro che hai letto?

Un indovino mi disse di Terzani. Grazie a lui sono ancora più innamorata di culture che conoscerò molto presto.

6) In quale posto non ritorneresti? Perché?

Non ritornerei a Touba, in Senegal. La città più integralista della nazione, un po’ troppo severa nelle regole. Non mi ha lasciato sensazione positive, a differenza di tutte le latre zone dov’ero stata precedentemente.

7) Quali luoghi visiterai da qui alla fine dell’anno?

Sto progettando il mio viaggio in solitaria nel sud est asiatico. Sicuramente due tappe saranno Thailandia del Nord e Laos.

8) Come conservi le tue foto? Le stampi o le tieni solo sul pc?

Per ora ho tutto sul pc, sono in procinto di comprare un hard disk che possa contenere tutta la storia dei miei viaggi. Alcune foto sono stampate e appese.

9) Mandi cartoline ad amici e parenti dall’estero?

Non sempre, dipende se dove mi trovo è possibile.

10) Porti regali dai tuoi viaggi?

Quasi sempre, li trovo più utili di una cartolina, cerco sempre di portare qualcosa di veramente originale e caratteristico.

Ora vorrei nominare altri travel blog a cui assegnare il riconoscimento:

– Claudia Carrie Gibin  Due cuori e una ciccions

– Tania De Cesare       Wanderlust

– Valentina Fasce        I viaggi di Michele e Valentina

– Valeria Castiello        Beyond the pillars of Hercules

– Laura Zacchini         Get me wings

– Mario Capasso        Giro viaggiare

– Catia D’antoni         VIaggIngiro

– Paola Toini               La mia famiglia sensational

– Clara                       In viaggio con Clara

– Teresa Carfora       Distrarsi è d’obbligo!

Ecco le domande a cui dovrete rispondere!

1) Che viaggiatore sei?

2) Mare o montagna?

3) Qual’è un posto dove non torneresti ?

4) Il libro che ti è piaciuto di più? (inerente ai viaggi)

5) Viaggio in solitaria o in compagnia?

6) Il viaggio più bello fatto fino ad ora, dove?

7) Qual’è stata la tua esperienza più brutta durante un viaggio?

8) Cosa non può mancare nella tua valigia?

9) Come organizzi il tuo budget?

10) Quale sarà la tua prossima meta?

La musica quando si viaggia: ad ognuno la sua…

Dipende dal viaggio, dal periodo di vita, dall’umore, dalle emozioni di quel preciso istante.

La musica è la colonna sonora di attimi di vita felici, tristi, divertenti, unici.

Per me ha un’importanza vitale, non c’è giorno passato senza musica, come se avessi bisogno delle note in sottofondo per scandire i momenti di una giornata importante, normale, banale, diversa, nuova, emozionante.

E come potrebbe mancare la musica durante un viaggio…

Sono le canzoni, insieme alle foto, a ricordarci i viaggi indimenticabili…. vi sarà capitato di ascoltare per caso una canzone e sentire quel nodo in gola, quella malinconia, quel “aspetta! Questa canzone mi ricorda il mio viaggio in…”

Come quando quella volta, dopo una giornata passata alla scoperta di mondi nuovi, mi sono fermata su una spiaggia al tramonto e… ‪#‎relax‬ ‪#‎lamiaplaylist‬ ‪#‎kygo‬

Aggiornamento Siviglia! 

Ultima tappa, ci siamo!

Siviglia ci da il benvenuto a Santa Cruz, quartiere storico del centro, un buon pranzetto e una divertente melodia in sottofondo!

Siviglia è la città d’arrivo di un tour splendido che nessuna foto e nessun racconto potranno mai raccontare davvero!

Finalmente rincontro dopo due anni quello che ormai è diventato un grande amico (di Madrid), conosciuto durante la mia esperienza a Malta nell’estate del 2013!

Abbiamo deciso di passare insieme a Cristian quest’ultima tappa, approfittando di una rimpatriata durante la vacanza! Cosa c’è di meglio?

A breve vi aggiornerò sui nostri due giorni in questa splendida città!

Intanto vi comunico che ci sono 43 gradi ed è solo l’8 maggio!

A presto!

  

Road to Siviglia!

Salutiamo Cordoba a malincuore, ci sarebbero tante cose da vedere ancora. Questa città merita di essere vissuta, notte e giorno, ve la consigliamo ad occhi chiusi!

Ci dirigiamo a Siviglia, percorrendo una super strada pressoché deserta: solo paesini in lontananza, qualche distributore ogni tanto, paesaggio arido e temperature africane.

Visto che il nostro stomaco inizia a brontolare e con lui anche il serbatoio della benzina (che ci siamo dimenticate di riempire :D), scorgiamo in lontananza un piccolo pueblo e decidiamo di fermarci soprattutto per la paura di rimanere a piedi!

Siamo a Santa Cruz, così dice il cartello, ma non c’è un’anima viva!

Eppure non è ancora l’ora della siesta, le finestre sono chiuse e sembra che tutti siano scappati da qui! Non un bar aperto, non un distributore di benzina.

Incontriamo solo un signore che ci assicura che dopo circa 700 metri, una volta uscite del paese, troveremo un distributore. Per fortuna aveva ragione, noi prendiamo qualcosa da mangiare nel piccolo bar e la nostra picanto si disseta in vista dei prossimi chilometri verso Siviglia.

In un viaggio on the road anche questi momenti sono importanti : i momenti in cui non c’è storia, attrazione turistica, niente di ovvio. Ma solo tu, la tua amica, la macchina, un po’ di musica e il panorama intorno a te! Solo facendo un tour on the road si possono vedere cose che senza spostarsi non si vedrebbero, solo così si possono conoscere i paesini di cui nessuno parla e magari scoprire delle zone incontaminate e per niente turistiche assolutamente affascinanti ! (A noi è capitato in tantissimi casi durante questo tour, fermandoci in paesini di cui forse nemmeno gli spagnoli conoscono l’esistenza!)

E poi è proprio in questi momenti che si ride, ci si diverte, soprattutto se in compagnia come siamo noi. I nostri viaggi in macchina sono all’insegna delle risate!

Con la pancia piena ripartiamo e, mentre Siviglia è sempre più vicina, cantiamo a squarcia gola una delle canzoni che abbiamo scoperto in questi giorni sulle radio spagnole e di cui ci siamo follemente innamorate!

Paulina Rubio : mi nuevo vicio

Ci vediamo a Siviglia!