Granada non è solo Alhambra?

Dopo tre ore di visita all’Alhambra non resistiamo all’idea di un buon piatto di pasta e, dopo quasi una settimana di viaggio, ci concediamo una buona cena italiana!

Purtroppo non ricordo il nome del ristorante ma si trova a Gran via, la principale calle di Granada, ed è romagnolo!

Per il dopo cena e fare quattro salti vi consiglio Boom Boom Room in calle Elvira!

Dopo un bel po’ di ore di sonno, recuperiamo le forze e ci prepariamo per la nostra mattinata in giro per Granada.

A primo impatto, girando per le sue vie, ci sembra di essere state catapultate nella città delle spezie, ce ne sono ovunque, in ogni angolo!

Durante la passeggiata vi accompagneranno tutti questi profumi, compreso quello dell’erba…. (non del giardino!) 😀

11225579_10152865576778457_1906174990_n 11253878_10152865576643457_1011275622_n 11253879_10152865576678457_2103316811_n

Non abbiamo prenotato nessuna visita, questa mattinata è un’improvvisata, dovremmo già essere a Cordoba! Ma non volevamo andare via avendo visto solo l’Alhambra ….

Il quartiere più bello da visitare è sicuramente quello dell’ Albaicin, tipicamente arabo e patrimonio dell’UNESCO con strade strette e cortili colmi di fiori. Si trova su una collina davanti all’Alhambra. Noi ci fermiamo in uno dei tanti baretti nelle piccole vie a far colazione e poi ci dirigiamo poco più avanti al Mirador San Nicolas, che non potete assolutamente perdere.

Che si venga di giorno, al tramonto o a notte fonda, la vista è stupenda : l’Alhambra davanti a noi.

DSC_0705 DSC_0712 DSC_0718 DSC_0731 DSC_0737 DSC_0741

Granada non è solo Alhambra, ci vogliamo credere, ma non abbiamo avuto tempo per vedere il resto.

Nonostante ciò, dopo un giro veloce per il quartiere albaicin e sacromonte (conosciuto per essere di forte cultura gitana e dedito all’arte del flamenco), non siamo così soddisfatte come credevamo. In futuro daremo sicuramente una seconda possibilità a questa città che, a parte l’alhambra, ci ha lasciato un po con l’amaro in bocca!

Anche qui abbiamo trovato tempo per divertirci, siamo rimaste un’ora chiuse dentro un negozio storico di abiti per il flamenco e, che dire, abbiamo sognato per un po’ di poter andare in giro così per le strade di Siviglia!

11258686_10152864941453457_1130117100_n 11261056_10152865576418457_1088967214_n

Ora siamo pronte per Cordoba, 24 ore per vedere le cose più belle.. ce la faremo?

A prestissimo !

Si no has visto Graná no has visto ná! ALHAMBRA DAY!

Finalmente eccoci arrivate a Granada, anche qui raggiungere l’albergo non è così semplice, non perchè sia lontano dal centro, ma anzi il contrario!

Abbiamo selezionato hotel centralissimi e se l’albergo non ha il parcheggio, dobbiamo lasciare l’auto nel primo aparcamiento disponibile!

Devo dire che fino ad ora siamo state abbastanza fortunate, è qui a Granada il primo albergo che non dispone di parcheggio, ma vi assicuro che questa lacuna è rimpiazzata alla grande dalla bellezza di queste camere. Elvira Suites, en calle Elvira, la seconda per importanza dopo la calle Gran via.

Queste camere (che in realtà sono appartamenti con cucina, salotto, bagno e camera) sono moderne e spaziose, dotate di tutte le comodità (c’è anche il microonde e la camera ha 2 letti matrimoniali).

In realtà abbiamo scelto Elvira Suites dopo aver trovato una super offerta, ma credo che appartamenti del genere siano perfetti per chi soggiorna più tempo… noi staremo qui solo una notte! In ogni caso se doveste trovare una super offerta come la nostra (65 euro una notte per due) ne vale assolutamente la pena!

Lasciamo i bagagli e ci dirigiamo verso l’Alhambra. Preferiamo prendere il taxi (circa 4 euro) perchè abbiamo 20 minuti di tempo prima che inizi la nostra visita guidata (prenotata in anticipo!) – leggi qui per sapere come prenotare –

Si può raggiungere l’Alhambra anche con un autobus (numero 30 – 1,20 euro) oppure a piedi, ma vi avviso… non fidatevi di chi vi dice “10 minutos andando!”… ci vuole molto più tempo ed è tutto in salita.. quindi incamminatevi solo se avete tanto tempo a disposizione e un buon allenamento!

Finalmente ci siamo, incontriamo il nostro gruppo e iniziamo la visita.. rigorosamente in Spagnolo, ormai siamo nel #mood!

La visita inizia nei giardini del Generalife, parola che io mi ostinavo a pronunciare in inglese e che solo dopo, grazie alla nostra fantastica guida, ho scoperto essere di origine araba e con mille significati: in generale, pare si voglia intendere la tipica dimora con giardino a Granada, dove alloggiavano i Re Arabi per rilassarsi.

Volendo analizzare l’etimologia della parola Generalife, questa proviene dall’arabo Yannat- al – Arif che letteralmente significa Il giardino dell’architetto. Con “Yannat” si indica propriamente il giardino e il paradiso, mentre “Alarife” si riferisce all’artista, architetto, a colui il quale crea opere. 

Che dire, la visita ai giardini lascia senza parole. Siamo in mezzo ad un trionfo di colori, siepi, alberi e rose appena sbocciate.

DSC_0436 DSC_0451 DSC_0456  DSC_0465

Grazie alla guida, scopriamo che l’Alhambra era una vera e propria città murata, con tutti i servizi necessari per chi ci viveva, dalle botteghe, alle scuole alle moschee. Dai giardini, difronte a noi ecco l’Alcazaba, la parte più antica di questa città, la zona militare e centro di sorveglianza.

DSC_0467 DSC_0469

La visita continua attraverso i giardini e le zone con vista su Granada, caratterizzate da muri bianchi e archi lavorati minuziosamente.

DSC_0487 DSC_0497

DSC_0522

DSC_0514

Dopo circa un’ora e mezzo possiamo fare un po’ di pausa:in questi casi consiglio vivamente le visite guidate, poter conoscere un luogo così famoso attraverso il racconto di una preparata guida non ha prezzo, ma è giusto sapere che all’alhambra, con 40 gradi e un continuo sali e scendi per visitare giardini e palazzi, non è così facile… armatevi di scarpe comode, bottiglietta d’acqua e un bel ventaglio!

Durante la pausa potete approfittare dei tanti negozietti di souvenir o di una bella bibita fresca nell’area ristoro proprio all’entrata.

Adesso siamo pronte per iniziare a visitare i palazzi.. ed è qui che diventa chiaro a tutti perchè l’Alhambra sia stata una finalista per entrare a far parte delle 7 meraviglie del mondo.

Spero che dalle foto si possa intuire ciò che i miei occhi hanno visto.

DSC_0601 DSC_0602 DSC_0613   DSC_0649  DSC_0671 DSC_0673

DSC_0574  DSC_0645 DSC_0666

DSC_0694

Nessuna immagine renderà giustizia alla bellezza di questo luogo che, a parer mio, vale la pena visitare almeno una volta nella vita! Non posso dirvi io quali sono i palazzi più belli o i percorsi più affascinanti, ma se avete un week end a disposizione approfittatene per venire qui!

Anni e anni di storia, immersi nella modernità assoluta, ma ancora intatti.

Dopo tre ore la nostra visita si conclude così, stanche ma con il sorriso! Adesso siamo pronte per vedere un altro lato di Granada… quello dei ristoranti!

Tenemos hambre 😀

DSC_0575